Come realizzare un efficace piano di soccorso e di emergenza?

advanced divider

Affinché ogni azienda possa garantire il giusto livello di sicurezza ai propri lavoratori, è necessario che sia studiato e redatto un apposito piano di soccorso e di emergenza, così come descritto nel documento Inail “Il primo soccorso nei luoghi di lavoro”, elaborato dal Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale.
Partiamo da una definizione: il piano in questione è un documento che indica in modo chiaro quali compiti, ruoli e comportamenti deve assumere ogni lavoratore in caso di emergenza. Le procedure riguardano tutti gli attori coinvolti in caso di incidente: chi lo scopre, chi è allertato, chi è al centralino telefonico, chi alla portineria e tutti i lavoratori presenti.
Affinché un piano di soccorso sia efficace, è necessario che sia realisticamente attuabile, flessibile, chiaro, comprensibile, personalizzato in base all’azienda e alle sue peculiarità.
Il piano di soccorso e di emergenza va inoltre revisionato periodicamente da personale competente, che deve essere – a tal proposito – sempre tenuto al corrente sulle novità dell’azienda, legate in particolare ai cicli produttivi.
Vediamo i punti più importanti da considerare nella redazione del documento.
Innanzitutto, è importante valutare la distanza dell’azienda dal pronto soccorso più vicino e relativo tempo di percorrenza, così come organizzare le modalità di chiamata del 112: bisogna definire a priori chi delle figure intervenute sul luogo dell’incidente deve allertare i soccorsi. In genere, tale ruolo spetta all’addetto al primo soccorso.
Anche l’accoglienza dell’ambulanza è un momento di fondamentale importanza, che nelle aziende di grandi dimensioni può essere affidato al personale di portineria. È bene, inoltre, che l’azienda predisponga di moduli prestampati che sintetizzino le dinamiche dell’evento accidentale e che le schede di sicurezza delle sostanze utilizzate nei processi di lavoro siano tenute in sede, in modo da poter essere presentate immediatamente al personale sanitario che interviene in soccorso.
Infine, dopo ogni tipologia di incidente, è opportuno che l’azienda organizzi una riunione di confronto con personale competente, per rilevare eventuali criticità nella gestione della macchina del soccorso.
Vorreste capire se il vostro piano di soccorso e di emergenza aziendale è realmente efficace? Contattateci subito per una consulenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.